Giacomo
Balla
Torino, 1871 - Roma, 1958
Pittore e scultore

Nei primi anni del Novecento comincia a dipingere quadri di matrice Pointilliste, senza tuttavia seguire rigorosamente il programma scientifico di Seurat e Signac, diventando uno dei protagonisti del divisionismo italiano. Nel 1903, conosce Umberto Boccioni, Gino Severini e Mario Sironi. Quando nel 1909 Filippo Tommaso Marinetti pubblica il primo Manifesto futurista, si unisce al movimento con Boccioni, Carrà e Russolo. Nel 1910 firma il Manifesto dei pittori futuristi e successivamente il Manifesto tecnico della pittura futurista. 

https://it.wikipedia.org/wiki/Giacomo_Balla